Tortino sballante

Care Amichesciroppate,

l’altra sera ho attivato la modalità svuota frigorifero.

In tavola già una frittata con erba San Pietro, che la mia amica Lauretta mi aveva portato domenica, buonissima!!!

Come però il mio siciliano notava mancava qualcosa di sballante e così ho attivato le papille gustative e ciò che ne è uscito è stato veramente sballante.

Veloce, buono e svuota frigorifero.

Da portare in tavola in qualsiasi occasione perché é 😋buonissimo!!!!

Ingredienti per 4

10 patate novelle

200 g. Di salmone affumicato

100 g. Di feta

Timo

Preparazione

Fate bollire le parale, sbucciatele e schiacciatele grossolanamente con una forchetta.

Tagliate (in modo irregolare)il salmone affumicato e la feta.

Amalgamate i tre ingredienti e aggiungete un filo di olio evo.

Con l’utilizzo di un coppapasta porzionateli, un filo d’olio e del timo per guarnire questo incantevole tortino, che come dice il mio siciliano è sballante.

Buon weekend dolcezze.

Moscardini in umido su crema di fave

Care Amicheciroopate,

la cena di pesce, si sa, ha sempre il suo perché. E se, come me, avete l’acquolina in bocca al solo pensiero di stupire i vostri ospiti con un piatto che si presenta colorato allo sguardo (mai dimenticare che in cucina si mangia prima con gli occhi!) e si sposa a meraviglia con un buon bicchiere di bollicine in una bella serata di inizio estate, questa combinazione è davvero speciale. La crema di fave poi è, come dico spesso, buonaesana 😊 e si presta a molti utilizzi;

potete trasformarla, allungandola con un po’ di acqua tiepida, in un’ottima vellutata da servire tiepida frullandola con una patata cotta al vapore e impiattando con cubetti di formaggio di capra o feta, e semi di papavero che io davvero metto ovunque!

Ingredienti

Per la crema

1 kg di fave (la dose e’ per 4 persone, tenete conto che le fave “rendono poco”)

olio evo

cipolla bionda,

una foglia di alloro

timo, sale e pepe q.b.

Per i moscardini

vi consiglio di acquistare quelli di dimensione medio / grande, 1 a testa

olio evo

1 spicchio aglio

1 peperoncino

3/4 di un bicchiere di vino rosso

un paio di pomodori pelati

prezzemolo fresco.

Procedimento

Iniziamo con la crema. Per prima cosa, sbaccellate le fave e sbollentatele in acqua e sale . Dopo un minuto scolatele in un recipiente con acqua fredda per evitare ustioni e pelatele. A questo punto, fate un soffritto con olio e cipolla e una foglia di alloro e cuocete le fave per 4/5 minuti a fiamma vivace. Aggiustate di sale e di pepe e frullate dopo aver tolto la foglia di alloro, aggiungendo olio a crudo fino ad ottenere una bella crema compatta. Per i moscardini, puliteli (o supplicate di farvelo fare, all’Esselunga lo fanno!) tenendoli interi (ma eliminate gli occhi, mi raccomando) o separando al massimo la testa dai tentacoli. In una casseruola fate un soffritto di olio, aglio e peperoncino, aggiungete i moscardini e fateli rosolare un paio di minuti a fiamma vivace, aggiungete il vino e fate evaporare. A questo punto unite i pelati schiacciati con la forchetta e portate a cottura a fiamma bassa mescolando di tanto in tanto in modo da bagnare con il sughetto i moscardini. Saranno cotti in mezz’ora circa. Salate alla fine e se alla fine il sughetto dovesse essere troppo liquido, togliete i moscardini e fatelo restringere fino a che non diventa denso, aggiungendo eventualmente un cucchiaino di maizena o fecola di patate. Impiattate i moscardini su un mestolo di crema di fave tiepida e aggiungete prezzemolo fresco.

Care Amichesciroppate,

mi ritrovo a scrivervi con un poco di malinconia ,ma mi sembrava doveroso spendere due parole per voi che siete state una dolce parentesi della mia vita.

Ricordo con emozione l’entusiasmo nell’intraprendere insieme a Carola questa nuova ed affascinante avventura culinaria.

E’ stato davvero bello conoscervi e crescere insieme a voi.

Talvolta però la vita ci porta a fare delle scelte e in questo momento ho dovuto rispondere a delle priorità che per il momento mi terranno un po’ lontana da voi.

Conserverò nel cassetto dei ricordi più belli questa esperienza per me unica e indimenticabile.

Un abbraccio.

Stefania💕

Risotto primavera

Care Amichesciroppate,

sarà questo sole meraviglioso di aprile, caldo e confortante che mi fa vestire voglia di piatti primaverili mangiati in terrazza con una buona bottiglia di vino, piante aromatiche e gelsomini a fare da cornice.

Primavera fa rima con asparagi e così mi regalo un delizioso risotto agli asparagi con uovo in camicia ed è subito felicità.

Ingredienti per 4 persone

Un mazzo di asparagi

320 g di riso 60 g di vino bianco

720 g di brodo vegetale

20 g di burro

4 cucchiai di parmigiano

Quattro uova intere

Procedimento

Per prima cosa lessate gli asparagi.

Una volta cotti dividete le punte dal gambo tenete le punte da parte e tagliate a pezzetti piccoli la parte restante.

In una casseruola mettete 10 g di burro con 10 g di olio extra vergine di oliva i pezzetti di asparago e fate soffriggere per un paio di minuti, aggiungete il riso continuate a mescolare per tostarlo fino a quando i chicchi non saranno quasi trasparenti.

Sfumate con il vino bianco, fatelo evaporare e continuate la cottura aggiungendo il brodo poco alla volta.

Quando mancheranno 2/3 minuti alla cottura del riso è il momento di preparare l’uovo in camicia.

Versare l’acqua e l’aceto in una pentola e portare ad ebollizione. Nel frattempo foderare 4 tazzine da caffé di pellicola trasparente e romperci le uova dentro e chiudere la pellicola a mo’ di fagotto.

Quando l’acqua sobbolle, mettere il fuoco al minimo, immergere le uova e cuocerle per 3 minuti circa (un po’ meno per le uova

Quando il riso arriverà a cottura aggiungete le punte di asparago che avevate tenuto da parte in precedenza e mantecate con il burro e il parmigiano.

Impiattate trasferendo l’uovo sul riso, vi assicuro è una vera delizia 😋

Sfogliatina di fragole

Care Amichesciroppate,

se ci seguite sapete che uno dei must have in frigorifero è un rotolo di parsa sfoglia.

Perfetta per ogni occasione, che sia una torta salata o un dolcino dell’ultimo minuto in pochi passsaggi e con un pizzico di fantasia …. tirerete fuori un capolavoro.

Dovevano essere semplici sfogliatine di fragole, poi mentre tagliavo le fragole mi stavo bevendo un bicchiere di vino e allora sono diventate sfogliatine di fragola profumate al vino con gelato e gocce di aceto balsamico. SLURP!!!!!!

Ingredienti per 8

1 rotolo di sfoglia

8 fragole

3 cucchiai di zucchero di canna

1/2 bicchiere di vino rosso

1 tuorlo

Gelato alla vaniglia

Aceto balsamico

Procedimento

Lavate e tagliate le fragole, mettetele in una zuppiera con 2 cucchiai di zucchero di canna e il vino rosso.

Prendete la sfoglia, tagliatela in 8 rettangoli, ponete al centro di ogni rettangolo le fragole, un cucchiaio di vino e un pizzico di zucchero.

Spennellate i bordi con il tuorlo, ora in forno ventilato per 13/15 minuti a 220 gradi.

Sfornate e impiattate ogni singola porzione con una pallina di gelato e qualche goccia di aceto balsamico.

Facile, veloce è buonissima!

Treccia di cipollotti

Care Amichesciroppate,

Operazione golosità attivata, pochi ingredienti nel frigorifero, ma con un pizzico di fantasia riesco sempre a tirar fuori magicamente qualcosa di buono.

Sarà forse merito dell’ingrediente segreto?? L’ingrediente segreto c’è e quando manca te ne accorgi, perché è come se nn si attivasse qualcosa lì…. esattamente lì nel cuore …. e il tuo cibo è solo cibo.

Beh io ci ho messo cuore e velocità, oggi non avevo tempo, ma avevo fame e anche la necessità di un po’ dì comfort food.

Ingredienti

1 rotolo di sfoglia

3 cipollotti

1/2 bicchiere di latte

1 cucchiaino di paprica

Semi di papavero

Procedimento

Lavate e tagliate a fettine sottili i cipollotti.

In una casseruola fatele saltare con un filo d’olio per qualche minuto, poi aggiungete il latte e continuate a cuocere a fuoco lento per 15 minuti.

In fine aggiungete la paprika.

I cipollotti si saranno praticamente sciolti, lasciateli raffreddare.

Stendete la sfoglia e dividetela in tre parti.

Stendete su ogni striscia di sfoglia i cipollotti al latte, ripiegate su se stessa ogni striscia e formate una treccia.

Cospargete la treccia di semi di papavero e via in forno 220* per 20 minuti funzione grill ventilato.

È buonissima!!!!!

Cucinata, fotografata e mangiata 😋

Buon weekend bellezze

Fritto è tutto buono

Care Amichesciroppate,

Merluzzo fritto, patatine e birra ghiacciata.

Uno dei migliori modi per godersi il weekend.

Ingredienti

Farina 00

Sale

Paprika

Birra ghiacciata

Filetti di merluzzo

Olio di semi

Procedimento

Tagliate il merluzzo a pezzi grandi circa 5/6 cm.

In una ciotola unite farina, sale, paprika e birra. Mescolate con una frusta fino a creare una pastella abbastanza densa che dovete far riposare per 30 minuti in frigorifero.

Scaldate abbondante olio, quando sarà bello caldo potete iniziare con la frittura.

Immergete il pesce nella pastella e poi immediatamente nell’olio, lo shock termico permetterà di ottenere un fritto leggero.