Ricette

Risotto con capesante, zucchine e burrata

Oltre al profumo di libertà e alle prime conquiste di indipendenza, i miei anni da universitaria a Milano hanno decisamente il sapore del risotto. Abitavo con due coinquiline in una casa grandissima con una vecchia cucina a gas che, oltre a garantirmi la sopravvivenza alimentare, è diventata il palcoscenico dei miei primi esperimenti ai fornelli, direi soprattutto notturni, quando tornavamo in gruppi indefiniti dalle serate che iniziavano con l’aperitivo al bar Magenta e finivano con “dai facciamo una pasta da te che sai cucinare”.

Pare che questa etichetta mi sia rimasta appiccicata addosso da quegli attestati di stima completamente gratuiti e, per portarla dignitosamente, ci fu un momento in cui, dai classici due spaghi al pomodoro, decisi di buttarmi sul risotto. Dai e dai, vent’anni dopo posso dire che il risotto è forse il piatto in cui mi diverte di più cimentarmi con ingredienti sempre diversi e che, diciamolo, per una cenetta speciale o un pranzo un po’ più curato ha sempre il suo perché.

Ecco quindi il mio pranzo della domenica, perché risotto non fa solo rima con funghi..alla mia maniera, colorato, delicato, facile..e direi anche un po’ chic!!!

Ingredienti (per due persone)

180 g di riso Carnaroli

1 scalogno

Olio evo, sale, pepe q.b.

Vino bianco q.b.

Brodo vegetale (o fumetto di pesce)

2 zucchine

1 burratina

8 capesante

2 rametti di timo

1 foglia di alloro

Tempo 40′

Procedimento

Tagliate a cubetti piccoli le zucchine e fatele saltare in padella per pochi minuti con olio e aglio. Fate appassire lo scalogno in un fondo di olio e rosolate sei capesante tagliate a pezzettini. Tostate il riso, sfumate con il vino bianco e proseguite la cottura aggiungendo il brodo bollente. Salate e pepate.

In una padella calda scaloppate le due capesante intere con un filo d’olio, l’alloro e le foglioline di timo finché non saranno dorate.

Cinque minuti prima della cottura del riso, aggiungete le zucchine e terminate il risotto. Mantecate con olio e impiattate con un cucchiaio della panna di burrata e la capasanta.

Divino!!

Daniela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...